LEGGETEMI PRIMA DI CHIUDERMI!!
Lo spirito delle regole non è limitare la libertà di pensiero di chi vi partecipa ma è finalizzato alla tutela dei temi trattati e soprattutto alla tutela dei partecipanti. "Nel forum non censuriamo i pensieri, ma censuriamo i modi con cui questi si esprimono" leggete attentamente questa pagina ed anche questa pagina. La conoscenza ed il rispetto di queste semplici regole sono fondamentali per il buon funzionamento di questo forum.
Founder

The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Western; Thriller; Giallo; Hrror

Qui trovi il meglio (o quasi) su qualsiasi genere di film esclusivamente in HD disponibile per il download (scarico), il tutto gratuitamente e in qualità da 576p, 720p e/o 1.080p.

Moderatori: legolas, halaska, Founder, DarkAngel

Regole del forum
Nelle voci che trattano di opere di finzione, come ad esempio un romanzo o un film, è utile riportare la trama, cioè un riassunto degli eventi raccontati, senza scendere troppo nei dettagli. Si ricorda che la trama non è l'unica parte fondamentale della voce e occorre dare spazio anche ad altre sezioni di approfondimento sull'opera come ad esempio un eventuale recensione (la genesi, il suo impatto culturale e così via).

L'obiettivo della trama è quello di aiutare il lettore a comprendere l'importanza degli eventi raccontati nell'opera o delle azioni compiute dai personaggi. Un'opera di finzione non è necessariamente enciclopedica esclusivamente per gli eventi che racconta: oltre a descriverne la trama, se si dispone di fonti da citare, è bene evidenziarne il significato e l'impatto esercitato sulla cultura e sulla società. La cosa vale per le opere di fiction esattamente come per tutti gli altri generi di voci.
Avatar utente
Founder
Amministratore
Amministratore
    unknown unknown
Ha ringraziato: 53 volte
É stato ringraziato: 3316 volte
Sesso: Maschio - Maschio
Messaggi: 2525
Età: 54
Contatta:
Italy

The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#1 » 30/11/2016, 22:25

Certificato The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Locandina
Immagine

Descrizione
Titolo originale: The Hateful Eight
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2015
Durata: 187' min.
Genere: Western; Thriller; Giallo; Horror
Regia: Quentin Tarantino
Soggetto: Quentin Tarantino
Sceneggiatura: Quentin Tarantino
Produttore: Richard N. Gladstein, Shannon McIntosh, Stacey Sher
Produttore esecutivo: Georgia Kacandes, Bob Weinstein, Harvey Weinstein
Casa di produzione: The Weinstein Company
Distribuzione (Italia): 01 Distribution
Fotografia: Robert Richardson
Montaggio: Fred Raskin
Effetti speciali: Laurent Gillet, Method Studios, ScanlineVFX, Antonio Ditaranto, Naomi Guadagno
Musiche: Ennio Morricone
Scenografia: Yohei Taneda
Costumi: Courtney Hoffman
Trucco: Heba Thorisdottir


Screenshot
Immagine

Cast
Samuel L. Jackson: Maggiore Marquis Warren
Kurt Russell: John Ruth "Il Boia"
Jennifer Jason Leigh: Daisy Domergue/Daisy Domingray
Walton Goggins: Chris Mannix
Demián Bichir: Bob/Marco "il Messicano"
Tim Roth: Oswaldo Mobray/Pete Hicox
Michael Madsen: Joe Gage/Grouch Douglas
Bruce Dern: Gen. Sanford Smithers
James Parks: O.B. Jackson
Channing Tatum: Jody Domingray
Dana Gourrier: Minnie Mink
Zoë Bell: Judy "sei cavalli"
Lee Horsley: Ed
Gene Jones: Sweet Dave
Keith Jefferson: Charly
Craig Stark: Chester Charles Smithers
Belinda Owino: Gemma


Trama
Capitolo uno: L'ultima diligenza per Red Rock
Qualche anno dopo la guerra civile americana, una diligenza si fa strada nel paesaggio invernale del Wyoming mentre una bufera è in arrivo; i passeggeri, il cacciatore di taglie John Ruth e la latitante Daisy Domergue, sono diretti verso la città di Red Rock, dove l'uomo, soprannominato "il boia" per via della sua attitudine a portare vivi fino al patibolo tutti i suoi prigionieri, consegnerà la ricercata alla giustizia per una taglia di 10.000 dollari. Lungo la strada, la carrozza guidata dal cocchiere O.B. Jackson incontra una vecchia conoscenza di Ruth: il maggiore Marquis Warren, un ex-soldato di colore dell'Unione divenuto un famigerato cacciatore di taglie, colto dalla bufera mentre stava trasportando i cadaveri di tre criminali fino a Red Rock per riscuoterne la taglia. Inizialmente Ruth non vorrebbe prendere a bordo un altro individuo per paura che questo possa essere in combutta con Domergue e che cerchi di liberarla, ma finisce per dare un passaggio al maggiore, a patto che questo lasci le armi al cocchiere.

Capitolo due: Figlio d'un cane
Sulla strada per Red Rock la diligenza incontra anche Chris Mannix, un rinnegato del sud che sostiene di essere stato nominato nuovo sceriffo della città. Prima di far salire a malincuore Mannix, Ruth stringe un patto con Warren: John lo aiuterà fino a quando questi non avrà riscosso la taglia delle sue tre vittime, ed in compenso il maggiore farà lo stesso con lui per condurre alla forca la prigioniera. Mannix, che mal sopporta l'esito finale della guerra di secessione, racconta ai passeggeri il motivo della triste fama di Warren: durante la guerra civile, il maggiore fu catturato e portato in un campo di prigionia sudista, da cui riuscì a evadere incendiandolo. Nell'incendio perirono ben 47 reclute sudiste e per questo i confederati misero una cospicua taglia sulla testa di Warren (abolita formalmente dopo la fine della guerra). Tuttavia, quest'ultimo, tornato nell'Unione, fu congedato dall'esercito con disonore quando si scoprì che 37 delle vittime erano in realtà semplici prigionieri di guerra nordisti.

Capitolo tre: L'emporio di Minnie
Mentre la bufera infuria, i quattro ed O.B. trovano accoglienza presso il noto emporio di Minnie, dove ad attenderli non vi sono i soliti proprietari, ma quattro facce che non hanno mai visto prima: Bob, un messicano che dice di occuparsi del locale in assenza della proprietaria, che con il marito Sweet Dave è partita per visitare sua madre, il boia cittadino Oswaldo Mobray, il cowboy Joe Gage e l'anziano ex-generale confederato Sanford "Sandy" Smithers. Ruth cerca di fare subito la conoscenza degli altri ospiti, in modo da poter capire se si può fidare davvero di loro. Warren è apertamente ostile al generale, avendo assistito alle atrocità perpetrate da quest'ultimo contro la gente di colore durante la guerra, mentre Mannix è onorato di trovarsi alla presenza di Smithers dato che anche suo padre aveva combattuto la guerra di secessione, e il generale era una leggenda per tutti i sudisti. Nella stalla Warren aiuta il messicano a sistemare i cavalli, ed inizia a sospettare che qualcosa non quadri: gli sembra infatti strano che all'interno del locale tutti tengano in testa il proprio cappello (cosa severamente proibita da Minnie) e che Sweet Dave e la proprietaria, persona notoriamente poco sentimentale, abbiano lasciato l'emporio per andare a nord a trovare la madre di lei, di cui peraltro lui non aveva mai sentito parlare. Rientrati anche loro all'interno dell'emporio, iniziano le prime rivalità: il generale non vuole parlare con Warren in quanto persona di colore e suo avversario durante la guerra, mentre Chris vuole proteggere il vecchio combattente dalle molestie di quel "negro insolente". Durante la cena, vengono alla luce una serie di rivelazioni, entrambe per bocca di Warren: la prima riguarda la famosa lettera scrittagli personalmente da Abraham Lincoln, in realtà un foglio da lui falsificato per farsi beffe e guadagnarsi il rispetto dei bianchi, rivelazione che lascia offeso e ferito Ruth che credeva fermamente in questo aneddoto "patriottico". La seconda riguarda il figlio di Smithers, morto misteriosamente anni prima: dopo aver messo una delle sue pistole vicino alla poltrona del vecchio, Warren gli narra di come suo figlio avesse cercato di ucciderlo dopo la guerra per incassarne la taglia. Disarmato e tenuto sotto minaccia da Warren, il giovane aveva pregato di risparmiargli la vita, raccontandogli la storia della sua famiglia e rivelandogli quindi chi fosse il padre. A questo punto, divertito dalla sorte e terribilmente vendicativo, il maggiore lo aveva fatto spogliare nudo e costretto a camminare nella gelida neve fino al momento in cui, esanime, il figlio di Smithers non gli aveva chiesto una coperta. Per concedergli questo "privilegio", Warren lo aveva costretto a praticargli una fellatio, prima di toglierli spietatamente la vita. Umiliato, il generale afferra la pistola posta al suo fianco e tenta di sparare al maggiore, che però lo precede e lo uccide. Ruth, Mobray e perfino Mannix devono concordare sul fatto che, anche se architettata, è stata legittima difesa da parte del maggiore e quindi il cadavere del vecchio viene portato sul retro dell'emporio e la parentesi viene chiusa.

Capitolo quattro: Domergue ha un segreto
Qualcosa è però accaduto mentre Warren provocava Smithers, qualcosa di cui solo Daisy si è accorta: qualcuno, visto solo dalla ragazza, ha avvelenato il caffè. Ovviamente la Domergue non dice niente riguardo a ciò. O.B. e Ruth sono i primi a berlo, e poco dopo subiscono i brutali effetti dell'avvelenamento (che provoca loro conati di vomito e di sangue), sopravvenuti nel momento in cui anche Mannix è in procinto di ingurgitarne un sorso. Il cocchiere muore per primo, mentre Ruth stramazza a terra sopra alla sua prigioniera, colpendola ripetutamente al volto, prima che lei gli afferri la pistola dalla cinta e lo finisca con un colpo in pieno petto. Warren prende in mano la situazione, puntando le sue pistole contro Bob, Mobray, Gage e Mannix, ordinando loro di rimanere con la faccia rivolta verso il muro e disarmando Daisy, gettando poi la chiave delle manette che la tengono incatenata al cadavere di Ruth nella stufa e impedendole così di liberarsi. Il maggiore decide poi di allearsi con Mannix, in quanto è sicuro che lui non possa aver avvelenato il caffè dato che stava per berlo, e gli consegna una delle sue pistole. I due investigatori improvvisati, mentre passano in rassegna tutte le teorie del caso, giungono ad una conclusione, quella che avevano creduto essere solo una paranoia da parte di Ruth: almeno uno dei tre superstiti è in combutta con la ragazza, ed è lì per liberarla. Mannix punta su Gage, ma Warren è fin troppo insospettito da Bob. Non crede infatti che lui, un messicano (etnia disprezzata dalla proprietaria), sia stato messo da Minnie e Sweet Dave a badare all'emporio, bensì piuttosto che li abbia uccisi e nascosti da qualche parte per poi fingersi il gestore sostitutivo del posto. L'ispanico ha però un alibi di ferro per quanto riguarda l'avvelenamento del caffè, essendo stato seduto al pianoforte a suonare per tutta la durata del discorso del maggiore a Smithers. Warren concorda con la sua versione, ma sostiene che lui sia comunque in combutta con chi ha compiuto il gesto. Ci sono poi due ulteriori dettagli che confermano qualcosa di sospetto: lo stufato, fin troppo buono per essere stato fatto dal maldestro Bob, che Minnie aveva certamente fatto la mattina stessa (il messicano aveva invece sempre sostenuto che la donna fosse partita da una settimana), e la poltrona di Sweet Dave su cui alcuni di loro si erano seduti quella sera, cosa che sarebbe stata impossibile in quanto l'uomo (estremamente geloso del suo posto) non l'avrebbe lasciata lì se si fosse diretto al nord. Infatti, scostando la coperta posata su quella poltrona, Warren nota una macchia di sangue che qualcuno ha tentato di nascondere. Sicuro della colpevolezza di Bob, il maggiore lo crivella di colpi per poi fargli esplodere il cranio. Per ottenere una confessione da Mobray o da Gage, Warren minaccia poi di far bere il resto del caffè avvelenato a Daisy se uno dei due non si deciderà a parlare. A questo punto Gage confessa la sua colpevolezza. Mannix è entusiasta, avendo sospettato fin da subito del cowboy. L'entusiasmo dei due "investigatori" viene però subito spezzato, perché un altro uomo, nascosto sotto le tavole del pavimento, spara al maggiore facendogli esplodere i testicoli: ciò scatena una reazione improvvisa da parte di Mobray (che si rivela il terzo complice della faccenda), che recupera un'arma nascosta nell'emporio e spara a Mannix ferendolo gravemente, venendo però colpito a sua volta. Gage è l'unico a non essere colpito in quanto disarmato.

Capitolo cinque: I quattro passeggeri
Ore prima, la mattina dello stesso giorno, una diligenza guidata da due amici di Minnie, Ed e Judy, giunge all'emporio con a bordo Mobray, Gage e Bob, insieme ad un quarto uomo, Jody. La banda entra all'interno del posto dove si trovano Minnie, il marito Sweet Dave, seduto sulla sua amata poltrona a giocare a scacchi con il generale Smithers, di sosta all'emporio, e alcuni servi e dipendenti. Dopo una serie di moine e lusinghe, i quattro compiono una strage, uccidendo tutti tranne il generale, poiché ritengono che la sua presenza possa rendere molto più credibile lo scenario che vogliono costruire. Jody si occupa così di spaventarlo e di metterlo in guardia sul fatto di provare a parlare e a dire qualcosa in presenza di chi arriverà quella sera, ovvero Ruth. La banda, di cui Jody è il capo, sta infatti attendendo che il cacciatore di taglie faccia sosta all'emporio per coglierlo di sorpresa e liberare Daisy, l'amata sorella di Jody. I quattro si disfano dei cadaveri gettandoli nel pozzo e nascondono le armi d'emergenza in vari punti del locale, poi si preparano e si mettono nelle posizioni sceniche attendendo l'arrivo di Ruth e Daisy. Arriva la diligenza e Jody si nasconde sotto al pavimento mediante una botola, mentre Bob esce ad accogliere gli ospiti.

Ultimo capitolo: Uomo nero, inferno bianco
Si ritorna al presente. Warren è sdraiato sul letto con lo scroto e la zona pelvica distrutti e di fianco a lui si trova Mannix, anch'esso ferito. Entrambi perdono sangue, mentre dall'altro lato dell'emporio si trovano Mobray (il cui vero nome è Pete Hicox), in condizioni critiche, Gage (in realtà Grouch Douglas) e Daisy, che giace al suolo ancora legata al cadavere di Ruth. Mannix e Warren intimano a Jody di uscire dal suo nascondiglio, minacciando di uccidere la sorella. Il giovane esegue quanto richiesto dai due, ma fa appena in tempo a scambiare uno sguardo e poche parole con Daisy che viene ucciso con un colpo da Warren. Scioccata, la donna tenta di parlare con Mannix e di convincerlo a fare un accordo con lei: potrà prendersi il cadavere di Marco (il vero nome del messicano), portarlo a Red Rock, riscuotere la taglia posta sulla sua testa e diventare sceriffo, mentre lei e gli altri scapperanno verso il Messico con altri quindici membri della banda che sono in attesa nella cittadina. Questi, nel caso Daisy venisse uccisa, si vendicherebbero su Mannix e il maggiore (che non potrebbero fuggire dall'emporio prima del loro arrivo per via delle ferite e della bufera) per poi mettere a ferro e fuoco la stessa Red Rock. Se vuole partecipare al patto, Mannix dovrà però disfarsi di Warren. Quest'ultimo, dovendo trovare delle ragioni per farla considerare una proposta assurda a Mannix, gli ricorda che lui stesso ha spappolato con due colpi la testa di Marco e che quindi sarà notevolmente difficile identificarlo. Pete offre a questo punto il suo corpo, sapendo di essere destinato a morire per la ferita al ventre. Warren lo fa tacere sparandogli nuovamente, mentre Grouch afferra una pistola nascosta precedentemente sotto il tavolo e tenta di sparare verso i due, che però lo precedono e lo uccidono. A questo punto l'ultima rimasta è Daisy, e il maggiore punta la sua arma verso di lei. Ha però finito le munizioni e gli è quindi impossibile ucciderla. Warren si rivolge così a Mannix chiedendogli di passargli la pistola che gli aveva precedentemente dato; questi però non esegue ciò che gli è stato chiesto e si mette a trattare con Daisy, alzando la sua ricompensa fino a comprendere anche i corpi di Pete e Grouch. Alzatosi a forza in piedi e recatosi verso di lei, Mannix inaspettatamente rifiuta l'accordo poiché, quando il caffè era stato avvelenato, lei non aveva fatto niente per impedire che anche lui lo bevesse, e avendo già mentito in passato potrebbe aver mentito anche sugli ipotetici quindici ulteriori membri della banda. Stremato, l'uomo si lascia quindi grottescamente andare allo svenimento. Daisy non si fa sfuggire l'occasione ed amputa con un machete il braccio ammanettato di Ruth, liberandosi, e si appresta a recuperare una pistola mentre Warren, immobilizzato nel letto, esorta al risveglio l'incosciente Mannix. Questi rinviene all'ultimo momento, impedendo che la donna spari al maggiore, e ferendola con un colpo. A questo punto si prepara a finirla, ma viene fermato da Warren che gli suggerisce di impiccarla in onore di Ruth, che con la sua morte gli aveva impedito di bere il caffè avvelenato. I due uomini, con le ultime forze che hanno, issano di peso la criminale su una delle travi dell'emporio per poi tirare la fune dalla loro parte e condurre la donna sadicamente alla propria fine. Accasciati entrambi sul letto, i due si trovano ad aspettare insieme la morte. Nei loro ultimi attimi, Mannix chiede a Warren di fargli vedere la famosa lettera di Lincoln. Il maggiore acconsente, porgendola al giovane che la legge con enfasi e ad alta voce. Entrambi si commuovono nel finale della lettera, in cui Lincoln menziona affettuosamente la moglie. Mannix si complimenta con Warren per il tocco di classe finale, e il maggiore lo ringrazia.


Recensione
Secondo western e ottavo film per Quentin Tarantino, The Hateful Eight è ossessionato dalla nozione di identità, reale o supposta dei suoi personaggi e di una nazione perennemente indecisa fra opzione morale e violenza brutale. Ma Tarantino non è Spielberg. Se l'uno riduce in forma di dialogo il potere (Lincoln), l'altro lo esplode con un colpo di fucile e lo schizza sul muro. 'Allungato' sullo schermo, l'autore americano prosegue sul sentiero battuto da Django e sorprende sulla strada per Red Rock una diligenza in fuga dai fantasmi della guerra civile. Se Come sposare un milionario dimostra che il Cinemascope funziona anche per le gambe di Marilyn Monroe accomodate su una chaise-longue, The Hateful Eight assicura che l'Ultra Panavision 70, glorificazione dello spazio orizzontale, può 'servire' otto bastardi in un interno. Perché Tarantino sceglie di ripristinare un formato abbandonato nel 1966 non tanto e non solo per distendere i paesaggi del Wyoming ma per filmare le interazioni degli attori dentro uno spazio chiuso. Riparati in un rifugio e disposti come pedine su una scacchiera, gli otto hateful di Tarantino agiscono in primo piano e sullo sfondo. I due livelli di visione permettono allo spettatore di non staccare mai gli occhi dai personaggi e dalla relazione che ciascuno di loro intrattiene con l'altro, in un clima di paranoia che monta. Spinti da un vento polare in un ricovero alla fine del mondo e separati dal mondo, i nostri non smettono di mostrarsi a vicenda documenti, lettere, mandati, ordini di missione, avvisi di ricerca per provare che sono esattamente chi dicono di essere. Ma i dubbi restano e maturano tra una tazza di caffè e un bicchiere di cognac. Sceriffi designati, cacciatori di taglie, cowboy nostalgici, generali in pensione, gangster nomadi, burocrati forbiti, ex soldati incazzati, bianchi, neri, messicani, confederati e unionisti, non manca davvero nessuno nella pièce western di Tarantino, magma incandescente degli Stati Uniti nascenti che scalda i rancori e cova una diffidenza post guerra civile. La tensione sale lenta dalle piste innevate e si addensa nel rifugio, accomodandosi su poltrone 'macchiate' e avvolgendosi intorno al maggiore di Samuel L. Jackson che alla maniera del dottor Schultz di Christoph Waltz, rivela la sua natura tarantiniana, dominando la parola e le armi. Mediatore tra il film e lo spettatore, Jackson distrae l'occhio mentre l'azione continua e 'avvelena' l'ambiente, caricando di indizi e pallottole le colt. L'intrigo avanza con la meticolosità di un'istruttoria giudiziaria in cui il silenzio è d'oro e la parola parla per ridistribuire i ruoli simbolici dell'avvocato, della vittima, del sospettato. Il film di Tarantino finisce allora per assomigliare a un tribunale che blatera di impiccagioni, omicidi legali, legittima difesa, normalizzazione della violenza, messa a punto della giustizia. Ma di quale giustizia si tratti, al d là del Cristo misericordioso seppellito dalla neve nel piano iniziale, lo comprendiamo presto al cospetto di un branco di iene riunite per 'deliberare' chi meriti la vita. Evidentemente nessuno. Così la seconda parte di The Hateful Eight, disposta con pazienza e congegnata con un'inusitata forza di concentrazione per l'autore, si abbatte sul film consacrandosi interamente alla messa in scena. Svelamenti di identità, dislocamento dei punti di vista, flashback e voce off frugano nel cuore del già filmato, triturando come d'abitudine e avvicinando gli otto squilibrati alle reservoir dogs. Al diritto e alla verità (di facciata) predicata nei primi capitoli replica nei successivi l'artificio e il godimento di un linguaggio conosciuto, abortendo la catarsi e vomitando letteralmente il 'concentrato' del genere. Introdotto (nella versione in 70 mm) da un'ouverture, ripartito in cinque capitoli e interrotto da un (vero) intervallo che sgranchisce le gambe e ritarda il piacere, The Hateful Eight ribadisce gli attori di culto (Samuel L. Jackson, Tim Roth, Kurt Russell, James Parks), convoca Jennifer Jason Leigh e Channing Tatum e attesta Walton Goggins e Bruce Dern, che si accordano magnificamente per soddisfare l'intenzione politica di Tarantino. Politica che agiscono nell'arena e sulla partitura originale (e ostinata) di Ennio Morricone, conciliando autorialità e blockbuster. Parlano allo sfinimento gli hateful eight e quando esauriscono le parole, caricano i colpi e si sparano addosso. Tarantino insiste sul cambio di marcia realizzato con Bastardi senza gloria e sulla politicizzazione del suo cinema, svolta in superficie dalla contaminazione di immaginari e iconografie, innescata al fondo nei dialoghi e portata alle stelle da personaggi che hanno (anche) qualcosa di serio da dire. Dopo aver rinfacciato al western americano classico il suo razzismo e restituito colpo su colpo i torti cinematografici inflitti da D.W. Griffith (Nascita di una nazione), Tarantino guadagna al suo eroe nero un diverso ruolo sociale. Samuel L. Jackson, 'negro di casa' infame in Django Unchained, scende in campo e guadagna sul campo (di battaglia) la sua libertà. Diritto legittimato da una lettera di Lincoln (macguffin millantato e martellante) e speso a uccidere bianchi, incassare ricompense, regolare conti. Cattivo tra cattivissimi non sfugge nemmeno lui alla 'giustizia' tuonante di Ezechiele 25:17 e alla canaglia che non aveva proprio considerato. Nondimeno, più pietoso di un dio vendicativo, Tarantino riconcilia vita e morte sotto la neve. Precipitazione pura e sudario, la neve crepuscolare di Sergio Corbucci (Il grande silenzio) e André de Toth (Notte senza legge) cade su un drappello di miserabili, lascito della Guerra di Secessione nel corpo sociale americano. Tempestosa o inerte copre il nero e il bianco. Non prima di aver (r)accordato dentro l'ultimo quadro la struttura (letteraria) di Lincoln con quella barbara dell'impiccagione, la trattativa con l'azione pura, i principi democratici con le devianze reali. Sipario.

Codifica
Formato video: 1.280x536
Codec: MkV
Codec Audio: AC3 / 6 Canali
Dimensione: 3,94 Gb
Lingua: iTALiAN + eNGLiSH
Sottotitoli: iTALiAN + eNGLiSH + Forzati iTALiAN + eNGLiSH


Avinaptic

Codice: [Seleziona tutto] [Espandi/Collassa] [Scarica Contenuto] [Apri link(s) in JDownloader]

Generale
ID univoco                              : 192078051943184900571132672540643459707 (0x9080E31EDD23F42889ADE12F1F0C827B)
Nome completo                           : ...\The.Hateful.Eight.2015.BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG.mkv
Formato                                 : Matroska
Versione formato                        : Version 4 / Version 2
Dimensione                              : 3,94 GiB
Durata                                  : 2o 47min
Bitrate totale                          : 3.367 Kbps
Film                                    : The.Hateful.Eight.2015.BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG
Data codifica                           : UTC 2016-05-05 21:42:33
Creato con                              : mkvmerge v9.1.0 ('Little Earthquakes') 64bit
Compressore                             : libebml v1.3.3 + libmatroska v1.4.4

Video
ID                                      : 1
Formato                                 : AVC
Formato/Informazioni                    : Advanced Video Codec
Profilo formato                         : High@L4.1
Impostazioni formato, CABAC             : Si
Impostazioni formato, ReFrames          : 2 frame
ID codec                                : V_MPEG4/ISO/AVC
Durata                                  : 2o 47min
Bitrate                                 : 2.468 Kbps
Larghezza                               : 1.280 pixel
Altezza                                 : 536 pixel
Rapporto aspetto visualizzazione        : 2,40:1
Modalità frame rate                     : Costante
Frame rate                              : 23,976 (24000/1001) fps
Spazio colore                           : YUV
Croma subsampling                       : 4:2:0
Profondità bit                          : 8 bit
Tipo scansione                          : Progressivo
Bit/(pixel*frame)                       : 0.150
Dimensione della traccia                : 2,89 GiB (73%)
Titolo                                  : The.Hateful.Eight.2015.BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG
Compressore                             : x264 core 142
Impostazioni compressione               : cabac=1 / ref=1 / deblock=1:-1:-1 / analyse=0x3:0 / me=hex / subme=5 / psy=0 / mixed_ref=0 / me_range=16 / chroma_me=1 / trellis=0 / 8x8dct=1 / cqm=0 / deadzone=21,11 / fast_pskip=0 / chroma_qp_offset=0 / threads=4 / lookahead_threads=1 / sliced_threads=0 / nr=0 / decimate=1 / interlaced=0 / bluray_compat=0 / constrained_intra=0 / bframes=2 / b_pyramid=0 / b_adapt=1 / b_bias=0 / direct=1 / weightb=0 / open_gop=0 / weightp=0 / keyint=24 / keyint_min=13 / scenecut=40 / intra_refresh=0 / rc=2pass / mbtree=0 / bitrate=2468 / ratetol=1.0 / qcomp=0.60 / qpmin=0 / qpmax=69 / qpstep=4 / cplxblur=20.0 / qblur=0.5 / ip_ratio=1.40 / pb_ratio=1.30 / aq=1:1.00
Lingua                                  : Inglese
Default                                 : Si
Forced                                  : No
colour_range                            : Limited
Colori primari                          : BT.709
Caratteristiche trasferimento           : BT.709
Coefficienti matrici                    : BT.709

Audio #1
ID                                      : 2
Formato                                 : AC-3
Formato/Informazioni                    : Audio Coding 3
Estensione modo                         : CM (complete main)
Impostazioni formato, Endianness        : Big
ID codec                                : A_AC3
Durata                                  : 2o 47min
Modalità bitrate                        : Costante
Bitrate                                 : 448 Kbps
Canali                                  : 2 canali
Posizione canali                        : Front: L R
Frequenza campionamento                 : 48,0 KHz
Frame rate                              : 31,250 fps (1536 spf)
Modo compressione                       : Con perdita
Dimensione della traccia                : 538MiB (13%)
Titolo                                  : AC3.iTALiAN.2.0
Lingua                                  : Italiano
Default                                 : Si
Forced                                  : No

Audio #2
ID                                      : 3
Formato                                 : AC-3
Formato/Informazioni                    : Audio Coding 3
Estensione modo                         : CM (complete main)
Impostazioni formato, Endianness        : Big
ID codec                                : A_AC3
Durata                                  : 2o 47min
Modalità bitrate                        : Costante
Bitrate                                 : 448 Kbps
Canali                                  : 6 canali
Posizione canali                        : Front: L C R, Side: L R, LFE
Frequenza campionamento                 : 48,0 KHz
Frame rate                              : 31,250 fps (1536 spf)
Modo compressione                       : Con perdita
Dimensione della traccia                : 538MiB (13%)
Titolo                                  : AC3.eNGLiSH.5.1
Lingua                                  : Inglese
Default                                 : No
Forced                                  : No

Testo #1
ID                                      : 4
Formato                                 : UTF-8
ID codec                                : S_TEXT/UTF8
ID codec/Informazioni                   : UTF-8 Plain Text
Durata                                  : 2o 15min
Bitrate                                 : 0 bps
Count of elements                       : 19
Dimensione della traccia                : 454 Byte (0%)
Titolo                                  : iTALiAN [Forced]
Lingua                                  : Italiano
Default                                 : Si
Forced                                  : Si

Testo #2
ID                                      : 5
Formato                                 : UTF-8
ID codec                                : S_TEXT/UTF8
ID codec/Informazioni                   : UTF-8 Plain Text
Durata                                  : 2o 38min
Bitrate                                 : 53 bps
Count of elements                       : 1873
Dimensione della traccia                : 62,5 KiB (0%)
Titolo                                  : iTALiAN [Normal Caption]
Lingua                                  : Italiano
Default                                 : No
Forced                                  : No

Testo #3
ID                                      : 6
Formato                                 : UTF-8
ID codec                                : S_TEXT/UTF8
ID codec/Informazioni                   : UTF-8 Plain Text
Durata                                  : 17s 184ms
Bitrate                                 : 88 bps
Count of elements                       : 6
Dimensione della traccia                : 190 Byte (0%)
Titolo                                  : eNGLiSH [Forced]
Lingua                                  : Inglese
Default                                 : No
Forced                                  : No

Testo #4
ID                                      : 7
Formato                                 : UTF-8
ID codec                                : S_TEXT/UTF8
ID codec/Informazioni                   : UTF-8 Plain Text
Durata                                  : 2o 47min
Bitrate                                 : 67 bps
Count of elements                       : 3045
Dimensione della traccia                : 82,3 KiB (0%)
Titolo                                  : eNGLiSH [Hearing Impaired]
Lingua                                  : Inglese
Default                                 : No
Forced                                  : No


Youtubevideo


Link al Video su youtube (il link verrà aperto in una finestra o Tab del Browser)


Consiglioscarico

Download

Nascosto: Si
Devi rispondere o ringraziare l’autore del messaggio per poter visualizzare la parte nascosta del testo

Sono amico di tutti, ma alle condizioni di nessuno!

Tags:
Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Dato che il precedente Canale è stato chiuso, iscriviti al nuovo Canale ufficiale delle Ombre su Youtube!
Su tale Canale verranno pubblicati documentari, guide e anteprime di giochi! Grazie.

Vai alla Playlist del Canale!



Avatar utente
topper23
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
É stato ringraziato: 5 volte
Sesso: Maschio - Maschio
Messaggi: 83
Italy

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#2 » 17/01/2017, 11:53

grazie

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
giusdaddino
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
Sesso: Maschio - Maschio
Messaggi: 12
Cuba

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#3 » 05/02/2017, 17:33

grazie per il film

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
slucky
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
É stato ringraziato: 1 volta
Sesso: Non specificato - Non specificato
Messaggi: 32
Cuba

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#4 » 06/02/2017, 14:20

:bravo: :ok:

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
alanford1959
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
Sesso: Non specificato - Non specificato
Messaggi: 148
Italy

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#5 » 09/02/2017, 23:56

:ciao: :ciao:

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
salvadi7
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
Sesso: Maschio - Maschio
Messaggi: 36
Italy

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#6 » 26/02/2017, 12:54

grazie

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
ZgLsZf
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
Sesso: Maschio - Maschio
Messaggi: 21
Italy

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#7 » 09/12/2017, 16:50

Grazie

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
maramax
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
Sesso: Non specificato - Non specificato
Messaggi: 3
Italy

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#8 » 26/12/2017, 14:53

grazie

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
Roccata
Utente Registrato
Utente Registrato
    unknown unknown
Sesso: Femmina - Femmina
Messaggi: 120
Italy

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#9 » 16/01/2018, 15:44

Grazie

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Avatar utente
pHiL4FuN
Utente Registrato
Utente Registrato
    Macintosh Safari
Sesso: Maschio - Maschio
Messaggi: 14
Italy

Re: The Hateful Eight (2015) [BluRay.720p.x264.ITA.ENG.AC3.Sub.ITA.ENG.Forced.ITA.ENG] iNTERNAL

Messaggio#10 » 15/04/2019, 17:55

Grazie mille!

Link:
BBcode:
HTML:
Nascondi link al messaggio
Mostra link al messaggio

Torna a “Film HD 576dpi 720dpi & 1080dpi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti

-->
Le Ombre della Rete 360° : Disclaimer